Rayograph The Kiss

A kiss is (not) just a kiss

Nella Fotografia troviamo milioni, miliardi di immagini che hanno il bacio come elemento distintivo , emozione o provocazione, innocenza o trasgressione …  ma è proprio “il bacio” ad essere parte della Storia della Fotografia !

Una delle pietre miliari di questo percorso è l’opera del fotografo surrealista Man Ray, nota come “The Kiss“, edita nel 1922, il cui originale si trova al MOMA di New York:

In Photography there are millions and billions of images that have the kiss as a subject, emotion or provocation, innocence or transgression … but it’s “the kiss” a great part of the History of Photography !
One of the milestones of this history is the photogram of the surrealist photographer Man Ray, known as “The Kiss”, published in 1922, which original artwork is at the MOMA in New York:
The Kiss
The Kiss (Man Ray 1922)

L’opera fa parte delle cosiddette rayografie, immagini che l’artista otteneva in camera oscura poggiando oggetti sulla carta sensibile ancora vergine; tecnica che egli aveva peraltro scoperto per caso proprio lavorando alla stampa delle sue fotografie e che, nella sua apparente semplicità, gli ha consentito di ottenere immagini davvero suggestive.

Con una buona dose di immodestia, ho rielaborato una mia fotografia ad emulazione a quest’opera di Man Ray … con lo spirito di un attore che recita la Divina Commedia, pur sapendo di non poterne avvicinare il valore artistico.

This artwork is part of the so-called Rayographs, images that the artist obtained in the darkroom by placing objects on photosensitive paper still undeveloped; a technique that he had also discovered by chance by working on the development of his photograms and that, in its apparent simplicity, he has led to some really striking images.
With a good dose of immodesty, I reworked a photo of mine to emulate this artwork of Man Ray … with the spirit of an actor playing the Divine Comedy, knowing that not being able to reach its artistic value.